Mangiare in Liguria è facile fra i tanti ristoranti che propongono la nostra cucina tradizionale locale, tente le ricette liguri fatte con ingredienti poveri, strappati ad una terra difficile da lavorare. Chi non conosce le trofie al pesto, le tante torte di verdure impreziosite da erbe aromatiche, i minestroni, le acciughe ripiene, i ravioli ai carciofi o la panera?

Questa volta abbiamo scelto il coniglio alla ligure, una prelibatezza tra il dolce e l’amaro. Un piatto facile anche da riproporre a casa.

Procedimento

– Spezzare il coniglio.

– Fare rosolare in una casseruola olio, rosmarino, cipolla e pinoli tritati.

– Aggiungere il coniglio, olive taggiasche e una cucchiaiata di pinoli.

– Salare, pepare, sfumare con del vino bianco e lasciare cuocere per circa un’ora e mezza.

– Se serve, durante la cottura, aggiungere acqua o brodo vegetale.

– I piatti della cucina ligure possono essere accompagnati dal Vermentino, un vino dal colore giallo paglierino, di discreta vivacità, con un profumo intenso, dotato di buona complessità ed eleganza.

– E’ un vino secco e piacevolmente morbido, che trova l’equilibrio migliore nella nota sapido/salata.

INGREDIENTI 4 porzioni
Coniglio
Olio e.v.o.
1 mazzetto rosmarino
Cipolla
20 g Pinoli
50 g Olive taggiasche
Sale
Pepe
1 dado brodo vegetale
1 bicchiere vino bianco